Osso etmoide - apparato scheletrico

Questo video tratta un osso molto particolare, l'etmoide. L’etmoide in piccola parte contribuisce alla formazione della base cranica ma è anche strettamente legato al massiccio facciale.  Ha una forma particolare ma la sua descrizione non è difficile se lo si suddivide in facce.

La faccia superiore presenta una lamina molto sottile che prende il nome di lamina cribrosa, la quale presenta una serie di fori microscopici in cui decorrono i fasci del nervo olfattivo. La faccia superiore costituisce il tetto della cavità nasale e quindi rappresenta una linea di demarcazione tra questa e la cavità endocranica. Al centro è presente una cresta, detta la Crista galli. Inoltre si possono notare delle celle incomplete che verranno poi chiuse dalle celle dell'incisura etmoidale dell'osso frontale.

Se si osserva la faccia anteriore si nota una lamina perpendicolare che protrude in basso per andarsi ad articolare con il vomere, l'osso del massiccio facciale che divide le cavità nasali interne. Infine si può osservare come l'etmoide presenti due masse laterali che prendono il nome di labirinti etmoidali, a causa delle strutture ampollose che si trovano all'interno che creano una comunicazione con l'orbita e con la cavità nasale (si tratta di seni paranasali). I labirinti etmoidali presentano una struttura uncinata sulla porzione inferiore della loro faccia esterna, il processo uncinato dell'etmoide. La struttura più importante per dimensioni è la lamina papiracea (nome dovuto alla sua estrema sottigliezza) che contribuisce a formare la parete mediale dell'orbita. Le facce anteriore e posteriore dei labirinti etmoidali presentano delle gibbosità a causa delle ampolle contenute al loro interno.
Interessante è invece la parete mediale, che contribuisce a formare la parete laterale delle cavità nasali. Essa presenta due cornetti, il cornetto nasale superiore e il cornetto nasale medio, che dividono la cavità nasale in diverse porzioni. Al di sotto del cornetto nasale superiore è presente un foro chiamato meato superiore, dal quale sboccano le celle etmoidali superiori e le celle sfenoidali (dell'osso sfenoide), mentre al di sotto del cornetto nasale medio si può osservare il meato medio che corrisponde al foro di uscita della bolla etmoidale.

Sulla faccia laterale, all'interfaccia col frontale, si formano due fori, l’etmoideo anteriore e posteriore, grazie ai quali le celle comunicano con l'orbita.