Vena safena e altre vene delle gambe - apparato circolatorio

Il circolo venoso dell'arto inferiore comincia a livello del piede con le vene profonde del piede, le quali confluiscono nelle vene tibiali anteriori e posteriori; a loro volta, queste si uniscono a formare la vena poplitea che poi continua nella vena femorale, la quale andrà poi a sfociare nella vena iliaca esterna.

La vena femorale è una grossa vena che segue più o meno il decorso dell'arteria femorale. I suoi collaterali assorbono il sangue dai muscoli della coscia, da alcuni muscoli dell'addome, dalla parete dello scroto nell'uomo e dal grande labbro nella donna; il suo ramo più importante è però la vena grande safena, una vena molto superficiale che drena gli strati più esterni dell'arto inferiore.

La vena poplitea origina poco sotto il ginocchio e si continua, poco sopra di esso, nella vena femorale. I suoi rami affluenti sono la vena piccola safena e le sei vene del ginocchio.

Le vene tibiali anteriori e posteriori seguono fedelmente il percorso delle arterie tibiali, ma sono, rispetto a queste, in numero doppio.

Le vene profonde del piede sono anche loro molto simili alle arterie che vascolarizzano il piede; esse formano un'arcata dorsale ed un'arcata plantare, dalle quali si formano numerose anastomosi con altri rami affluenti provenienti dalle dita dei piedi.