Le vertebre - struttura scheletrica

Questo video parla delle vertebre soffermandosi sulle diverse caratteristiche di queste ossa nei vari distretti della colonna.

Le vertebre cervicali sono sette. Iniziamo a descrivere le vertebre da C3 a C7 perché le prime due, atlante ed epistrofeo, hanno alcune particolarità.
Le vertebre cervicali presentano un corpo di forma quadrangolare, un ampio arco che racchiude un ampio foro che darà passaggio al midollo spinale. Il processo trasverso presenta un foro trasverso che permette il passaggio dei vasi vertebrali che si dirigono o fuoriescono dal distretto cefalico. I processi apofisari hanno orientamento orizzontale, mentre il processo spinoso è molto acuminato ed è bifido. Per la descrizione generale delle vertebre si consiglia la visione del video sulla colonna vertebrale

La prima vertebra cervicale è chiamata atlante, perché sorregge il cranio tramite la sua articolazione con l'osso occipitale. Non presenta un vero e proprio corpo perché presenta due archi, uno anteriore e uno posteriore che delimitano un foro vertebrale estremamente ampio.
L'epistrofeo, la seconda vertebra cervicale, presenta un corpo, da cui protrude il processo odontoideo, che si articola con l'atlante e permette il movimento di rotazione della testa.

Le vertebre toraciche hanno un corpo che aumenta di dimensioni scendendo verso il basso e presentano le caratteristiche articolazioni con le coste: due a livello della parte posteriore del margine superiore del corpo, due al margine posteriore della faccia inferiore del corpo, e due all'estremità dei processi trasversi. Ogni costa ha tre articolazioni per ogni emivertebra, una interfaccia si articola con la faccia superiore, una con faccia inferiore, una col processo trasverso. Il foro vertebrale delle vertebre toraciche è più ristretto rispetto a quello delle cervicali, in quanto si riduce la quantità di midollo spinale racchiusa.

Le vertebre lombari presentano un grosso e robusto corpo che deve sorregge tutto il peso della porzione superiore del corpo, e un modesto arco vertebrale che permette il passaggio della cauda equina, ovvero gli ultimi fasci nervosi che vanno ad innervare la porzione inferiore del corpo.